lunedì 8 agosto 2016

GMG 2016! DICONO DI NOI..

Riprendiamo da Avvenire del 26/07/2016 un articolo di Umberto Folena. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. 


“I nostri compagni di viaggio?” Disabili con la tenerezza nel cuore.

I più belli di tutti? Loro, i 70 pistoiesi. Belli non perché avvenenti o per le divise eleganti. Belli perché si prendono cura gli uni degli altri con una delicatezza che commuove. Di quei 70, 35 sono disabili, alcuni in carrozzella. Dei restanti 40, ben 35 hanno appena tra i 16 e 18 anni. Un rapporto quasi di uno a uno. Stanno insieme, si sorridono, si aiutano. E vivono la GMG all’insegna della misericordia più vera, che consiste nel prendersi cura dei più piccoli, in ogni senso. Belli, ma non ditelo a loro perché li mettereste in imbarazzo. I 70 appartengono a “Maria Madre Nostra” di Pistoia, associazione che fa capo ai centri della Fondazione Maria Assunta in Cielo che segue circa duemila disabili ed è impegnata nella pastorale, nella catechesi, nella liturgia e nella formazione.



Passano per le strade e stradine di Cracovia come una manciata di festosi coriandoli, anche se sono tutti dipinti d’azzurro, la loro divisa. Sono veterani della GMG.  Erano presenti quando ancora era una cosa minuscola, in embrione, e nessuno immaginava che cosa sarebbe diventata tranne forse lui, Giovanni Paolo II, che fortemente la volle tra i sorrisi rassegnati di chi l’aveva sconsigliato ma poi visto che ci teneva tanto, ma lasciamogliela fare. Era il 1984 e il fondatore dell’associazione, don Renato Gargini, che oggi non c’è più, portò con sé a Roma a disabili, riuscendo a presentarsi con loro proprio davanti al Papa. Allora c’era anche don Diego Pancaldo che è succeduto a Gargini ed è qui a Cracovia alla testa dei 70. Era un giovane insegnante e ci portò alcuni studenti. Oggi è professore di religione al Classico, collabora con TVL Pistoia e ogni volta che apre bocca sono manciate di coriandoli pure da lui: “Veniamo da Katowice e sabato siamo stati ad Auschwitz”. Accanto a lui c’è un ragazzo down che beve ogni sua parola. Vuole che si sappia: “Mi chiama Fabio Lullo”. Pancaldo, come si spiega Auschwitz a Lullo? “Ho raccontato la testimonianza di padre Kolbe ed Edith Stein. La fede vince sempre, anche nell’apparente sconfitta. E l’amore è più forte del peccato e della morte. Sempre”. 

Anche se ha appena 21 anni, Gabriele Vaccaro è un animatore anziano. Studia Medicina. A 15 anni ha scoperto di essere irresistibilmente attratto da questa realtà: “Passai un’estate al mare, a Ronchi di Massa, dove i disabili fanno riabilitazione. Ho osservato, studiato, imparato, fatto esperienza. Ogni ragazzo si prende cura di un disabile”. Ma da dove nasce tanta passione?.
“Nasce da dentro, dal desiderio e dalla gioia di poter aiutare gli altri. Nasce dalla scoperta dei tanti doni che ci scambiano”. Che cosa può donarvi un disabile? “La gioia con cui vive ogni minuto della giornata. Soprattutto la forza con cui lotta, per fare il più possibile tutto quello che fanno gli altri. Le sue conquiste giornaliere generano complicità. Siamo compagni di viaggio”. E nei momenti tristi? “Se il mio amico disabile si rabbuia, viene da mee. Ci abbracciamo. E a poco a poco torna l’armonia”. 

Nelle prossime ore, spiega Pancaldo, i pistoiesi visiteranno con calma  Cracovia. “Vorrei far loro vedere i luoghi dove è vissuto, e cresciuto, San Giovanni Paolo II, che ha avuto l’intuizione della GMG”. Se per le vie di Cracovia vi sembra di vedere una manciata di coriandoli svolazzanti, sono loro.

Umberto Folena 



C'è un articolo molto bello anche a cura della Agensir: 



Un altro articolo, a cura di Lara Corsini, è apparso anche sul sito ufficiale della GMG di Cracovia. Qui si ricorda anche la domanda di Francesco Giorgetti al cardinale Bassetti e Aurora, la nostra nuova amica pugliese:


Su TV2000 si può vedere anche una nostra intervista..

Ma soprattutto ci sono i servizi di Daniel per TVL...










lunedì 21 marzo 2016

Settimana Santa 2016


Comunità Maria Madre Nostra

CELEBRAZIONI SETTIMANA SANTA 2016







Giovedì 24 marzo 2016

                               Ore 18.30 S. Messa in Coena Domini │ Cappellina San Biagio

                               Ore 20.00 Momento conviviale
                               Ore 21.00 Adorazione Eucaristica

Venerdì 25 marzo 2016

                   Ore 14.00 Celebrazione della Passione del Signore │ Auditorium Centro Fratelli Carrara

Sabato 26 marzo 2016

                    Ore 21.00 S. Messa di Resurrezione del Signore │ Auditorium Centro Fratelli Carrara

Domenica 27 marzo 2016

                          Ore 9.30 S. Messa di Resurrezione del Signore │Colori e Musica

                         Ore 18.00 S. Messa di Resurrezione del Signore │Casa Famiglia Barile

Lunedì 28 marzo 2016

                                 Ore 10.00 S. Messa │Colori e Musica

                                  Ore 11.00 S. Messa │Casa famiglia Barile

martedì 15 dicembre 2015

8 dicembre 2015, l'apertura del centro nuovo, gioia infinita

A volte c'è proprio bisogno di fermarsi e fare come Maria di Betania, la sorella di Marta . È la sensazione che abbiamo sperimentato alla Fondazione MAiC nei primi giorni di dicembre.
Giorni pieni di affanni, passati ad organizzare il trasloco dalla storica sede di via San Biagio 102 alla nuova, intitolata ai "fratelli Carrara". Giorni pieni anche di felicità, per un progetto che trova il coronamento nell'avvio dei servizi a favore delle persone diversamente abili del nostro territorio, reso possibile grazie alla generosità della famiglia Carrara ed alla erogazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. Giorni pieni di ansia per una nuova pagina di storia della Fondazione tutta da scrivere, con la grande responsabilità di dover far fruttare i talenti che ci sono stati donati. Il centro è intitolato alla memoria dei fratelli Carrara, imprenditori coraggiosi che hanno saputo tradurre i risultati aziendali anche in beneficio e crescita del territorio dove sono nati e vissuti.

Abbiamo trascorso davvero "giorni di Marta".  Eppure, giunti al termine di questo grande passaggio, abbiamo avvertito urgente il bisogno di assumere l'atteggiamento di Maria.
Perché abbiamo fatto tutto questo? E per chi?
Così, Paradossalmente, nei giorni della massima tensione al futuro, abbiamo guardato -direi: dovuto guardare! - al nostro passato, all'impegno operoso ed intelligente del laicato pistoiese che ha investito tante energie nella Fondazione; all'insegnamento spirituale di chi ne è stato la sua guida per tanto tempo, don Renato Gargini; all'amore di una zia per il nipote, un bambino con disabilità, che nel 1963 è stato l'origine di una avventura longeva e gratificante.

Dopo tanto lavorare, Ci siamo quindi ritrovati come Maria di Betania ad ascoltare la Parola ed a celebrare l'Eucaristia.

Il Vescovo, che ha celebrato l'Eucaristia per noi il 7 dicembre nella solennità dell'Immacolata Concezione di Maria, ci ha ricordato di non considerare la nostra nuova sede semplicemente come una "struttura". Ma di guardarla come una fucina di amore e dignità, di cura e sollievo. La bellezza della struttura deve diventare specchio e ispirazione per questo: "specchio" perché una struttura bella indica la bellezza di chi vi abita e vi cresce; "ispirazione", perché anche nei momenti di stanchezza, o di delusione, il bello che ci circonda stimola ad essere propositivi, amorevoli.
Il Vescovo ci ha richiamato anche all'importante nome che la nostra Fondazione ha. Quell'acronimo un po' strano, MAiC, Maria Assunta in Cielo è una vera e propria missione: seguire Maria nel suo dire sì alla vita nascente; nel suo esempio di madre, e di madre spesso chiamata a coltivare preoccupazioni ed a sperimentare il dolore; nel modello di santità, obbediente e lieta. Abbiamo posto nel nostro centro l'immagine della Annunciazione del Beato Angelico, che ci è sembrata la raffigurazione, tenera ed esigente, di una Madre che si accinge a dire un sì tanto impegnativo. La nostra missione è quella di essere vicino e di supporto ai "si" che ogni giorno tante madri e tante famiglie dicono alla vita, e lo confermano con convinzione quasi eroica, offrendo esempi di santità.

L'immagine dell'Annunciazione è stata portata in processione dalla cappella del vecchio centro al nuovo centro. La processione ha dato il senso della continuità fra il vecchio ed il nuovo ed ha voluto essere il segno del nostro radicamento sul territorio come "luogo di impegno e di amore" per la città intera.

Dal 9 dicembre il centro è divenuto totalmente operativo, ospitando oltre 140 persone con disabilità della provincia di Pistoia. Ogni mattina 60 professionisti della riabilitazione e dell'assistenza prestano la loro opera a servizio delle persone con disabilità in un questa sede (mentre altro 63 lavorano nelle altre
L'interno del centro nuovo

sedi della Fondazionr) Quando tutto ha iniziato a funzionare, ancora una volta eravamo pervasi dall'atteggiamento di Marta, ma i ragazzi del Centro ci hanno ricondotto subito, e con la loro immediatezza, all'essenziale. "Com'è bello il sole" ha esclamato Alba, baciata dai raggi  attraverso i vetri. "Non ho mai avuto una stanza così bella" ha detto Gabriella entrando nel nuovo ambiente di terapia. Massimo, invece, non parla e non vede, ma ha iniziato a toccare il vetro e sorrideva perché lo sentiva caldo o freddo a seconda dell'orientamento del sole. Marco, che di solito cerca il muro e sbattere la testa nel mistero del suo autismo, davanti alla trasparenza del vetro e del panorama circostante è rimasto incantato, ed ha sorriso, senza sbattere la testa.

Abbiamo allora trovato le risposte alle domande che ci eravamo fatti nei giorni frenetici del trasloco, ed abbiamo detto il
nostro grazie al Signore per averci fatto condotto a questo risultato così impegnativo. Dopo i giorni di Marta anche noi ci siamo seduti ai Suoi piedi, ascoltandone la Parola, arrivata anche tramite il cuore e l voce dei nostri ragazzi.

La benedizione di Sua Eccellenza il Vescovo Tardelli

Luca Gori

mercoledì 2 dicembre 2015

Sabati alla Comunità Maria Madre Nostra

 
 
 

 Sabati alla Comunità Maria Madre Nostra


Due parole con...
Irene Fato, di Pistoia, laureata a marzo in medicina e chirurgia, è volontaria alla Fondazione  Maria Madre Nostra dall'età di 15 anni, quando al ginnasio ha conosciuto questa realtà tramite don Diego Pancaldo.

Irene, ogni quarto sabato a partire dal mese di settembre la Comunità Maria Madre Nostra si ritrova per un momento di comunione e di preghiera. Come si potrebbero descrivere queste giornate?

Riunione dell'associazione..questo è il nome dei nostri incontri di ogni mese nella cappellina 
del centro MAIC, ma il nome è riduttivo, o meglio, dall'esterno è difficile immaginare cosa
avvenga e quali possano essere le emozioni che si provano. 
Durante la riunione vengono sì ricordati i principali appuntamenti imminenti e futuri 
ai quali partecipa la nostra comunità,ma viene anche fatto un momento di adorazione
 e riflessione su una tematica ogni volta diversa, guidati dalle letture proposte da don Diego, 
letture che spaziano dai discorsi di Papa Francesco ai libri di Edith Stein, 
sempre stimolanti e adatte al periodo che stiamo vivendo. 
E come si conclude ogni incontro? 
 
Questo momento di comunione si conclude con la cena, l'immancabile pizzata,
 e con il dopo cena danzante tra i sorrisi e l'allegria di noi tutti..ragazzi e volontari insieme
a ballare, a cantare e a divertirsi con gioia...perché si respira e si vive una gioia autentica 
che va ben oltre i balli che si fanno con la musica assordante in discoteca.. 
Questo che viviamo con i nostri ragazzi è un ballo 
fisico e del cuore, che "contagia" anche il pubblico dei meno giovani, le mamme dei nostri 
ragazzi sedute a chiacchierare e a guardarci ballare con un sorriso e un entusiasmo difficile 
da spiegare.

Vogliamo invitarvi: ogni quarto sabato dalle 18.00 Adorazione e preghiera, dalle 20.00 pizza 
e balli, canti... 

Provare per credere..
Irene Fato
 

sabato 5 settembre 2015

Pellegrini a Lourdes


La presenza di Maria nella storia emerge imprevista, in tempi difficili e luoghi marginali, per radicarsi attorno ai santuari grandi e piccoli. L’apparizione di Lourdes esprime perfettamente l’intreccio che il Mistero intrattiene con la storia. In una cittadina periferica del paese all’avanguardia nel pensiero laico e anticlericale, appena quattro anni dopo la solenne proclamazione del Dogma dell’Immacolata Concezione, Maria si presenta in perfetta lingua vernacola come «Imacolada Concepciou». Appare alla ragazzina più povera e ignorante del paese per comunicare pochi, ma decisivi messaggi: «andate alla fonte, bevete e lavatevi»; «Penitenza! Penitenza! Penitenza! Pregate Dio per i peccatori! Bacerete la terra in espiazione dei peccatori!»; «dite ai sacerdoti che si venga qui in processione e che si costruisca una cappella». E difatti i pellegrini di Lourdes fanno il bagno e bevono alle fontane l’acqua scaturita dalla sorgente, celebrano la messa nella grandi chiese del santuario, compongono processioni, pregano, si confessano, chiedono intercessione per i peccatori.
Il ribaltamento del mondo nel mondo qui trova una manifestazione visibile, immediata aperta a tutti, che pure non maschera la sua forza di contraddizione.


Anche la vicenda di Bernadette non va addolcita. Attorno ai suoi tratti, come capita a molti santi famosi, da san Francesco d’Assisi a San Filippo Neri, da Santa Caterina a Santa Teresa di Lisieux, cresce una letteratura devota, di deliziosi fioretti, semplicità e candore angelico. Ma l’irruzione di Dio in un’anima suscita contraddizioni evidenti con il mondo, dice tutta l’alterità di Dio e del Vangelo, frantuma ogni accomodamento. Durante le apparizioni Bernadette si butta a terra a mangiare l’erba di fronte alla grotta di Massabielle - la grotta dei maiali - come dicevano a Lourdes per l’abitudine di portarceli a pascolare. Bacia la terra, cammina in ginocchio, si cosparge di fango la faccia. Non ha paura di raccontare la sua verità di fronte al Commissario, con quella fermezza semplice che contraddistingue i santi e i testimoni, da quelli descritti negli Acta Martyrum fino ai perseguitati di oggi. La Vergine le conferma la durezza della sua esistenza («non ti prometto di farti felice in questo mondo, ma nell’altro»), ma Bernadette avanza nella fede in una profonda crescita spirituale che matura dopo il suo ingresso in monastero a Nevers. «Io non vivrò un istante senza amare, Colui che ama fa tutto senza pena, oppure ama la sua pena. Perché bisogna soffrire? Perché quaggiù il puro Amore non vive senza sofferenze. O Gesù, Gesù, io non sento più la mia croce quando penso alla vostra. L’amore trionfa, l’amore gioisce. L’amore del santo Cuore rende felici».
Collocare in Dio lo spazio del dolore è la grande sfida della vita cristiana. Questo avviene a Lourdes. La celebrazione eucaristica raccoglie attorno all’altare malati e disabili, dove il corpo piagato si confonde con l’eucarestia e la parola diventa sorgente d’acqua viva.



 «La vita cristiana – scrive ancora Santa Bernadette - non ha soltanto le sue lotte e le sue prove, essa ha anche le sue consolazioni. E se dal Tabor bisogna andare al Calvario, dal Calvario si ritorna al Tabor con Gesù. Là è una anticipazione del cielo. L’anima fa un solo cammino, dal Golgota al Tabor. Essa esce dal Golgota per andare a cercare forza e coraggio al Tabor. La vita è questa salita”.
Nella nostra realtà siamo esperti sempre stupiti di questa affermazione. Sul calvario di tante esistenze ci è spesso rivelato il Tabor della consolazione e della gioia. Questa scoperta ci rende l’esperienza di Lourdes particolarmente vicina e familiare. Nel tempo del pellegrinaggio, però, siamo ricondotti all’essenziale della nostra esperienza, tutti coinvolti nella dinamica della conversione, più svincolati da un servizio quotidiano fatto di assistenza e competenze. Sono i piccoli che, mano nella mano, prendono il sopravvento per condurci di fronte alle immagini e alle “forme” che toccano in profondità, smuovono le acque del cuore e commuovono. Penso alle preghiera di Fabio, prima di immergersi nella piscina, o all’imprevisto inginocchiarsi di M. durante la messa, che come la mamma, neppure è battezzata. Potrei aggiungere, tralasciando moltissimo, la gioia di Chiara o la fede forte e semplice di Maddalena.

Nella grande chiesa sotterranea, come lungo le processioni aux flambeux o attorno alla grotta, emergono i tratti di un mondo diverso, ma dalla composizione molto variegata: increduli, superstiziosi, curiosi, pellegrini forse poco formati nella fede, ma anche uomini e donne, volontari, sacerdoti e vescovi, trasformati dall’incontro con Dio. Un’amalgama singolare, che assume però una forma diversa, dove i piccoli, gli “scarti” del mondo, sono in prima fila da protagonisti. È la forma di un popolo che prega, ascolta, canta, cammina insieme. Una forma che evangelizza e invita a leggere e fare la storia in un modo tutto differente.

La radicalità del Vangelo non conduce all’esclusività, ad una proposta per pochi eletti. Radicalità e capacità attrattiva si combinano paradossalmente. Dove si annacqua il Vangelo non c’è più evangelizzazione. O non se ne avverte il bisogno. Con Maria radicalità e tenerezza si intrecciano nel segno della grazia. Aprono le nostre incongruenze all’azione misteriosa di Dio e dicono uno stile per l’annuncio. Maria, dunque, ci guida nella strada dell’evangelizzazione. Al termine della sua esortazione apostolica Evangelii Gaudium è il papa che ce la presenta così.


 Maria è colei che sa trasformare una grotta per animali nella casa di Gesù, con alcune povere fasce e una montagna di tenerezza. Lei è la piccola serva del Padre che trasalisce di gioia nella lode. È l’amica sempre attenta perché non venga a mancare il vino nella nostra vita. È colei che ha il cuore trafitto dalla spada, che comprende tutte le pene. Quale madre di tutti, è segno di speranza per i popoli che soffrono i dolori del parto finché non germogli la giustizia. È la missionaria che si avvicina a noi per accompagnarci nella vita, aprendo i cuori alla fede con il suo affetto materno. Come una vera madre, cammina con noi, combatte con noi, ed effonde incessantemente la vicinanza dell’amore di Dio. Attraverso le varie devozioni mariane, legate generalmente ai santuari, condivide le vicende di ogni popolo che ha ricevuto il Vangelo, ed entra a far parte della sua identità storica. Molti genitori cristiani chiedono il Battesimo per i loro figli in un santuario mariano, manifestando così la fede nell’azione materna di Maria che genera nuovi figli per Dio. È lì, nei santuari, dove si può osservare come Maria riunisce attorno a sé i figli che con tante fatiche vengono pellegrini per vederla e lasciarsi guardare da Lei. Lì trovano la forza di Dio per sopportare le sofferenze e le stanchezze della vita. Come a san Juan Diego, Maria offre loro la carezza della sua consolazione materna e dice loro: «Non si turbi il tuo cuore […] Non ci sono qui io, che son tua Madre?».

(Per vedere più foto..)
https://goo.gl/photos/GCZfGG7edJ9LdjL66


giovedì 30 luglio 2015

Un percorso nella gioia!

Tre giovani volontari raccontano la loro estate al Centro MAiC di Marina di Massa

Durante tutta l’estate, presso il Centro di riabilitazione della Fondazione Maria Assunta in Cielo di Marina di Massa, circa 150 giovani volontari vivono un’esperienza indimenticabile. Il servizio, aperto a tutti, coinvolge soprattutto giovani delle scuole superiori e universitari provenienti dalla provincia di Pistoia e oltre. L’attività, organizzata in turni di 15 giorni, si svolge a stretto contatto con i disabili e le loro famiglie. Proviamo a scoprire qualcosa in più con l’aiuto di tre giovani volontari.
Maria Chiara Grieco (18 anni), Lorenzo Niccoli (18 anni) e Gabriele Vaccaro (19 anni) svolgono da anni questo servizio.

Maria Chiara, come si vive una giornata al mare con i ragazzi del MAiC? Che cosa fa un volontario?

Maria Chiara
Ogni giorno trascorso al mare con i ragazzi del MAiC è un vero e proprio percorso di gioia. La prima tappa di questo iter gaudii si ha dopo i giochi della mattina sulla spiaggia e dopo le attività riabilitative del pomeriggio, e consiste nel bagno in mare, il momento più atteso fra tutti e nel quale tra un’onda e uno schizzo d’acqua si ammirano occhi e sorrisi scintillanti di una felicità tale da rimanere stupefatti e incantati.
Nei momenti di preghiera, ovvero il saluto a Maria, prima di pranzo e la preghiera della sera, ma soprattutto durante la Messa, è possibile contemplare una gioia diversa e più intima.
Infine, l’ultima tappa di questo viaggio nella gioia si svolge a sera, durante le attività organizzate dopo cena. Tra serate danzanti, giochi a squadre e cacce al tesoro, si ammira infatti una gioia festosa, travolgente, che a suon di musica è capace di creare un’armonia speciale.
In questo scenario gioioso si muove la figura del volontario, che ha il ruolo di affiancare e condividere con i ragazzi del MAiC questo viaggio, riscoprendo l’importanza dei piccoli gesti, anche quelli più semplici quali un abbraccio o un sorriso.

Che tipo di relazioni si instaurano con i ragazzi e le famiglie?

Con i ragazzi, grazie al loro entusiasmo e alla loro amorevolezza spontanea e travolgente, si instaurano relazioni di affetto sincero, ma soprattutto così toccante che un semplice abbraccio può davvero far vibrare ogni corda del proprio cuore. Ma la nota particolare e unica di tali relazioni risiede nello scoprire sorprendentemente che ciò che riceviamo dai ragazzi è sempre più grande di quello che noi doniamo loro.
Un altro grande insegnamento si riceve dalle famiglie che, nonostante le difficoltà e le mille sfide che si trovano ad affrontare, al mare vivono ogni giorno con il sorriso, riuscendo sempre a cogliere il bello di ogni momento, ponendosi come un valido modello di comportamento e di vita. È commovente vedere la forza d’animo e la tenacia che muove le famiglie, l’amore con cui si prendono cura costantemente dei propri figli e con cui si rivolgono ai volontari.
Gabriele e Lorenzo


Lorenzo, che cosa è possibile scoprire durante questi 15 giorni?

Grazie a questa esperienza abbiamo l’opportunità di capire il significato del comandamento di Gesù “Ama il prossimo tuo come te stesso”. Capiamo, infatti, chi è il prossimo, chi è il più piccolo e, grazie ai loro gesti, azioni e parole, sperimentiamo la carità e la vera gioia che essa ci dà. I ragazzi riescono a farci sentire amati e noi cerchiamo di fare altrettanto.
Non è detto che si possano capire tutte queste cose al primo colpo, ma una volta che riusciamo a farle proprie si scoprono una serenità e una gioia interiori immense.
Oltre all’amore si scopre la semplicità. Una volta tornati a casa tutto ciò che ci circonda ci appare eccessivo e di  conseguenza incominciamo a vivere le nostre giornate in modo meno frivolo, con maggiore intensità. Incominciamo ad apprezzare e a godere a pieno quanto Dio ci ha donato.
Infine ci viene data la gioia dello stare insieme, tra volontari e ragazzi/famiglie, tra volontari, tra volontari e operatori (coordinatori, oss, educatori, sacerdote). Si ha l’opportunità di fare nuove amicizie, senza badare a differenze psicofisiche e di età, e di cooperare per stare tutti bene e in armonia.
magic
Una volta provata questa esperienza nasce il desiderio di ripeterla..perché?

Non nasce semplicemente il desiderio di ripetere l’esperienza. Una volta che hai dato te stesso per il bene degli altri senti che qualcosa non va, ovvero che potevi fare di più, e farlo ancora meglio. Magari questa sensazione può sembrare sconfortante i primi tempi, tuttavia, una volta che hai capito il senso dell’amore nella carità, ti rendi conto che questo sentimento è un dono di Dio, è un vero e proprio invito a tornare per cercare di donare e accogliere ancora più gioia.

Gabriele, nonostante la giovane età, hai ormai alle spalle molti anni di servizio come volontario. Puoi spiegarci come ci si prepara all’esperienza del soggiorno estivo presso il centro MAiC?

Il soggiorno estivo al MAiC può esser preparato attraverso molteplici attività che si svolgono presso il centro di Pistoia, come l’ora di catechismo che si tiene con cadenza settimanale durante il periodo scolastico, utile per instaurare un primo rapporto con il mondo della disabilità.
Nei giorni che precedono l’apertura della stagione estiva, inoltre, sono organizzati degli incontri con alcuni operatori al fine di introdurre i volontari alle problematiche e alle situazioni che incontreranno, nonché per spiegare le esigenze e il programma di una giornata tipo al mare.
Le informazioni pratiche devono altresì essere supportate da una imprenscindibile preparazione interiore del singolo volontario, il quale, durante il soggiorno, deve esser pronto a dare la precedenza alle necessità del proprio assistito, prestando particolare attenzione al suo comportamento e all’importanza di stabilire con lui un rapporto di vera amicizia. Tale relazione, se ricercata e approfondita con dedizione ed impegno, aiuta il volontario ad accedere ad una dimensione inedita di cosa significhi “avere un amico”, attuando un autentico “scambio di doni”.
Il nostro sopperire alle necessità dell’assistito, che si manifestano anche nelle più semplici azioni quotidiane, viene ricompensato con un sorriso, un abbraccio e con il toccante sentimento di un affetto autentico che solo loro, dotati di straordinaria sensibilità, sono in grado di regalare.

L’attività di volontariato svolta a Marina di Massa ha aiutato il tuo cammino di fede?

Tutto ciò ha contribuito in me a dare una significativa svolta al mio percorso di fede, aiutandomi a comprendere quale sia la gioia del donare attimi del proprio tempo e ad essere parte integrante di una relazione che va ben al di là della semplice amicizia, per assumere giorno dopo giorno i tratti di una vera lode al Signore, permessa dall’entusiasmo coinvolgente e dalla profondità di sentimenti di cui i ragazzi della MAiC sono abili maestri, oltre che perfetti esempi.
L’esperienza del soggiorno estivo lascia una traccia indelebile e contribuisce a far emergere aspetti tanto inesplorati quanto essenziali della nostra esistenza. Mi riferisco alla dimensione della pazienza, che ci insegna a rispettare e ad adeguarsi alle tempistiche e al ritmo di questi fratelli nelle varie fasi della giornata, alla freschezza dell’inventiva costantemente alla ricerca di nuovi modi per stimolare la loro comunicazione e la loro espressione (ad esempio, con attività come il disegno o la danza), all’importanza dell’attenzione verso qualsiasi loro gesto o parola con l’obiettivo di comprendere che cosa intendono dirci. Ognuna di queste caratteristiche, così sollecitate durante i quindici giorni trascorsi al mare, hanno costituito per me un bagaglio di esperienza assai prezioso che mi ha consentito di affrontare con maggior serenità e consapevolezza alcune tappe della mia crescita e che, se coltivate ancora, mi permetteranno di costruire delle fondamenta di sicura solidità per lo sviluppo del mio avvenire.

giovedì 9 luglio 2015

“LUCE DELLA CITTA'”, IL NUOVO CENTRO PER RAGAZZI DISABILI DELLA FONDAZIONE MARIA ASSUNTA IN CIELO

Mi ricordo di quando don Renato Gargini iniziò a parlare del centro nuovo che doveva essere costruito per i ragazzi. Le sue idee avevano sempre il sapore di un’intuizione improvvisa e di una necessità improrogabile. Era necessario un centro più grande, all’avanguardia, un centro che sapesse essere punto di riferimento per i suoi piccoli, i suoi ragazzi, le loro famiglie. Avrebbe dovuto essere il meglio della ricerca scientifica riabilitativa e, insieme, della bellezza. Don Renato sapeva vedere avanti, oltre le difficoltà, avendo nel cuore orizzonti sempre più nuovi e più belli.
11247084_10152827208610672_1879435729179261004_n 11008467_10207149005592631_3692676144334057520_n
In questi giorni di fine giugno la presentazione del nuovo centro della Fondazione Maria Assunta in Cielo, dedicato ai fratelli Carrara è stata in primo luogo una festa durante la quale i ragazzi e le famiglie hanno ricordato con grande affetto e commozione don Renato. Il centro nuovo, che sorge dietro la sede storica della Fondazione di San Biagio, nella sua architettura contemporanea vuole essere “un abbraccio” accogliente per tutti coloro che lo abiteranno e segno di speranza per tutta la città, aperto alla cura dei più deboli e alla vita. Tutti coloro che sono passati anche solo per curiosità dal centro hanno espresso sentimenti di stupore, di meraviglia, di gratitudine.
10616506_10207149005192621_9193672800226578857_n
Il 24 giugno la nuova struttura è stata presentata ai ragazzi e alle famiglie durante l’annuale festa dell’estate, occasione di incontro e di bilancio per un anno trascorso insieme. I ragazzi che dalle finestre ogni giorno sbirciavano il progredire dei lavori, con curiosità e orgoglio hanno varcato la soglia del nuovo centro: nei loro occhi si vedeva la felicità. Il 25 giugno il vescovo della nostra città, Mons. Tardelli, ha celebrato la S. Messa nell’auditorium: durante l’omelia ha voluto ricordare come quest’opera voluta dal Signore è dimora di Dio, immagine della Gerusalemme celeste, “luogo dove si cerca di amare, di volerci bene, di venirci incontro come Dio ci ha insegnato. Dove si sperimenta l’amore, la dolcezza, la tenerezza, la maternità di Maria.” Nel pomeriggio sono stati presentati i lavori alle autorità della provincia e del comune, sottolineando il ruolo fondamentale nella presa in carico delle problematiche dei ragazzi disabili e delle loro famiglie che la Fondazione svolge nel territorio. La giornata si è conclusa con l’apertura del centro a tutta Pistoia: è stata una serata bella e intensa, dove lo spettacolo di acqua, luci e fuoco ha stupito tutti nella sua creatività.
11188459_10152827208210672_3330431046115489833_n
Prendendo a prestito le parole di sua Eccellenza “questa è la casa del Signore, la casa di Maria, la casa di tutti noi”, possiamo dire che davvero il nuovo centro è anche la nostra casa per la quale ci siamo commossi nel vederla portata a termine e nella quale racchiudiamo un pezzo del nostro cuore, della nostra vita. Luogo di gioia, luogo di pace e di speranza nel Signore.


IRENE GINANNI